SIMEST – Sostegno alle imprese italiane esportatrici con approvvigionamenti da Ucraina e/o Federazione Russa e/o Bielorussia

Sostegno alle imprese italiane esportatrici con approvvigionamenti da Ucraina e/o Federazione Russa e/o Bielorussia (Fondo 394/81 Circolare n. 2/394/2022)

❖ Finalità

Intervento Agevolativo a sostegno delle imprese esportatrici, per fare fronte ai comprovati impatti negativi sulle esportazioni derivanti dalle difficoltà o rincari degli approvvigionamenti a seguito della crisi in atto in Ucraina, per mantenere e salvaguardare la competitività sui mercati internazionali.

❖ Soggetti beneficiari

PMI e Mid Cap aventi sede legale in Italia con almeno tre bilanci di esercizio completi e depositati ed aver registrato un fatturato export medio complessivo (Ucraina e/o Russia e/o Bielorussia) nel triennio 2019-2021 pari ad almeno il 10% del fatturato medio totale del triennio 2019-2021.

Le imprese devono aver altresì registrato, in base agli ultimi tre bilanci depositati (2019.2021), una quota minima di approvvigionamenti dai Paesi target rispetto agli approvvigionamenti complessivi, pari a:

Approvvigionamenti diretti e indiretti

Quota min. nel triennio 2019/2021

(soglia minima di accesso)

Approvvigionamenti diretti (materie prime, semilavorati e/o prodotti finiti strumentali al ciclo produttivo)

5%

Approvvigionamenti indiretti (solo materie prime)

5%

Approvvigionamenti indiretti (solo semilavorati e prodotti finiti strumentali al ciclo produttivo)

10%

Approvvigionamenti misti (diretti e indiretti)

10%

Le imprese devono dichiarare un rincaro dei costi degli Approvvigionamenti (diretti e/o indiretti) e di prevedere che, al termine dell’esercizio 2022 si registrerà un aumento del costo medio unitario degli Approvvigionamenti (diretti ed indiretti) dai Paesi Target e/o da geografie alternative di approvvigionamento, pari ad almeno il 20% rispetto alla media del triennio 2019 – 2021 e/o dichiarare una riduzione dei quantitativi di Approvvigionamenti (diretti e/o indiretti) e di prevedere che, al termine dell’esercizio 2022, si registrerà una riduzione dei quantitativi di Approvvigionamenti (diretti ed indiretti) dai paesi target pari ad almeno il 20% rispetto alla media del triennio 2019 – 2021.

❖ Agevolazione

Finanziamento agevolato, in regime de minimis, fino al 100% delle spese ammesse, limiti:
– Min 50 K€ fino ad un max. di 1.500 K€ in funzione della Classe di Scoring e della quota di approvvigionamenti verso le tre aree     e comunque ≤ al 25% dei ricavi medi risultati dagli ultimi 2 bilanci approvati e depositati dall’impresa;
– Durata: 6 anni di cui 2 di preammortamento;
– Tasso di interesse di riferimento UE (1,38% settembre 2022) in fase di preammortamento e 0% nel periodo di Ammortamento        subordinatamente all’esito positivo della verifica al 31/12/2023.
– Garanzie: previste in funzione dello scoring SIMEST1 assegnata all’impresa;
Contributo a fondo perduto, nei limiti del Temporary Crisis Framework, fino al 40% del finanziamento concesso (max. 500 K€).

❖ Spese ammissibili

  • Investimenti produttivi, anche in Italia: macchinari, apparecchiature, impianti, tecnologie hardware e software e digitali;
  • Investimenti per la sostenibilità in Italia: efficientamento energetico, idrico, mitigazione impatti climatici etc.);
  • Consulenze e studi volti all’individuazione di nuovi potenziali fornitori/mercati alternativi di approvvigionamento o nuove formulazioni produttive per la sostituzione di materiali non più disponibili;
  • Spese per la partecipazione ad eventi internazionali in Italia e all’estero e per la partecipazione/organizzazione di business meeting, workshop, B2B, B2C;
  • Spese una tantum strumentali all’individuazione di nuovi potenziali fornitori/mercati alternativi di approvvigionamento;
  • Certificazioni e/o omologazioni di prodotto, registrazione marchi, brevetti;
  • Consulenza finalizzata alla presentazione della domanda, max. 5% dell’importo deliberato.

Le spese sono finanziabili dalla data di approvazione della domanda, ogni impresa potrà presentare una sola domanda di agevolazione a Simest.
L’esposizione complessiva di ogni Impresa verso Simest non potrà superare il 50% dei ricavi medi degli ultimi due bilanci approvati e depositati.

Presentazione delle domande a partire dalle ore 9:00 del 20 settembre 2022 fino alle ore 18:00 del 31 ottobre 2022 salvo chiusura anticipata per esaurimento delle risorse disponibili

 

Author avatar
Value Services

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Per erogare i nostri servizi utilizziamo, sulle nostre pagine, dei cookie tecnici necessari. Altri cookie (es. di profilazione) e meccanismi di tracciamento - che non sono tecnicamente necessari ma che ci consentono di offrirti un'esperienza utente migliore e di proporti offerte personalizzate - vengono utilizzati solo se hai fornito preventivamente il tuo consenso: